Questo sito è accessibile da tutti i browser e gli user agent, ma il design e alcune funzionalità minori dell'interfaccia saranno visibili solo con i browser che rispettano gli standard definiti dal W3C

La Montagna, la Passione, Insieme!

G E F O

Gruppo Escursionisti Falchi Olginatesi


ti trovi in: HomeArchivio › Estate 2004
 
Estate 2004

Chamonix, Chambery, Annecy e Lyon.
Finalmente alla Conquista del WEST
25 - 26 - 27 Giugno 2004
Il titolo pu trarre in inganno (vi aspettate cow-boys ed indiani?), ma, dopo diversi anni di gite GEFO sempre in direzione EST (Salisburgo, Monaco, Foresta nera) nel 2004 la GEFO ha deciso di spingersi verso WEST (Chambery e Jamaica).Venerd mattina, di buon ora, attraversiamo il Tunnel del Monte Bianco e raggiungiamo Chamonix. Obiettivo della mattinata losservazione del Monte Bianco da un meraviglioso balcone a 2.500 raggiungile con la funivia del Brevant.
Purtroppo la cima del Bianco coperta dalle nuvole ma, in alcuni momenti possibile apprezzare nel dettaglio il percorso che sar effettuato da ben 30 soci GEFO il successivo 11 luglio. Al ritorno in Chamonix ci attende il consueto spuntino a base di pane, salame e Cartizze, come sempre gentilmente offerto dallorganizzazione, il tutto apprezzato in una piacevole piazzetta con rilassante prato e fontana con acqua fresca per classici gavettoncini, come si conviene tra educati signori.

 Al sole sotto la Croix du Nivolet

Si riparte attraversando le ALPI dellAlta Savoia in Direzione CHAMBERY dove arriviamo nel tardo pomeriggio, sistemazione in albergo e subito dopo visita guidata della citt che fu capitale del Regno Sabaudo prima che venisse spostata a Torino. La cittadina graziosa, ed visitabile tranquillamente a piedi. Interessante la visita alla Cappella che custod la Sacra Sindone.Alla sera degustiamo un favoloso men nouvelle cousine proposto dallo Chef Yves Vincent del raffinato ristorante Le Mont Carmel.
La discussione sugli accostamenti delle portate e sulle particolarit delle presentazioni accesa ma si smorza quando si inizia a pianificare la passeggiata alla Croix du Nivolet per il giorno seguente.
Infatti il sabato mattina siamo pronti per il trekking che ci vedr raggiungere la vetta del colle che sovrasta Chambery e che caratterizzato da una grandiosa croce. Purtroppo il pullman non riesce ad arrivare al punto di partenza stabilito in quanto le strada troppo stretta.
Problemi? Nessuno, i camminatori GEFO si preparano a camminare leggermente pi velocemente del solito per compiere un tragitto pi lungo nel tempo programmato.
La giornata calda, il gruppo si sfilaccia, ma nessuno vuole rinunciare alla vetta. La passeggiata sar ricordata da molti per il tratto finale, leggermente ripido, caratterizzato da alcuni profilati di ferro, da usare come gradini, infilati nella roccia e da fantastiche capre che ci osservano ansimare sulle rocce.
Quando lultimo arriva in vetta, gli altri sono pronti per scendere da un sentiero alternativo, nel bosco.Durante la discesa un socio prova a togliersi gli scarponcini, convinto di aver beneficio camminando nel bosco con le sole calze. Esperienza che si conclude velocemente e che non viene consigliata ad altri.
La corsa, perch cos che si deve chiamare, permette di arrivare al pullman in perfetto orario per raggiungere lHotel, cambiarci e ripartire per la gita sul battello al lago di Annecy.Cosa dire? Annecy molto bella. Una cittadina simile, in quanto a posizione lago-monti, a Lecco ed ai nostri paesi, che per stato urbanizzata con attenzione alle esigenze delluomo, del cittadino, del turista.

 Lo squisito piatto tipico di Lyon

Ora nostra da apprezzare e godere.Il men al Ristorante Au Faisan Dor ci permette di riprendere la discussione, interrotta la sera prima, sulla cucina francese. La sera prima la nouvelle cousine era buona, soprattutto bella da vedere, ma ora la cucina tradizionale francese offre molte soddisfazioni in pi e soddisfa il palato di tutto il gruppo, forse anche perch affaticato dal trekking mattutino.Il solito falchetto, ormai identificato da molti, ma al quale tuteliamo per quanto possibile la privacy, si innamora a prima vista della bella bionda cameriera e parte con la cerimonia del corteggiamento; anche questanno le difficolt legate allidioma impediscono al falchetto di fermarsi in Francia. Solo una foto ed un video resteranno...
La domenica mattina raggiungiamo LIONE e visitiamo i monumenti della citt e soprattutto le caratteristiche vie e case. Le guide ci presentano al meglio la loro citt e ci consigliano i piatti pi tipici da provare a mezzogiorno. Ed il pi tipico La Canelle (polpette di luccio). Molti amici proveranno il piatto tipico nel ristorante pi tipico. Se lo ricorderanno per sempre. La loro esperienza per importante per altri amici che, osservando i visi a dir poco insoddisfatti, possono scegliere piatti alternativi. Dopo lultimo tour della citt, in un caldo ormai soffocante, ripartiamo per lItalia. La gita stata bella, piacevole, ricca di momenti interessanti ma, forse il WEST non ha saputo conquistare gli appetiti di chi, ormai abituato da anni allEST, cercava forse emozioni ancora pi intense. Nel 2005 si ritorna ad EST, a Vienna.

Arrivederci a tutti.

Gianfranco Bonfanti





Monte Bianco mt 4.807, 10 11 luglio 2004
Partire e soprattutto arrivare tutti e 30 in vetta stata per me una gioia grandissima e mi ha fatto gridare dorgoglio. La condivisione del rischio e della fatica nel raggiungere insieme la cima mi ha regalato unentusiasmate e sublime momento. Grazie a tutti.

Oscar

 In vetta in 30!!!

E sempre con piacere che partecipo alla gita estiva della GEFO. Questanno poi Oscar ha messo gli occhi sul Monte Bianco e io l sono gi salito dalle Aguilles Grises con gli amici del CAI Cisano nel 2001. Sono passati tre anni e con gli amici della GEFO partiamo in 30 (!!); litinerario scelto la classica salita dal rifugio dei Cosmiques (3613) fino alla vetta passando per il Mont Blanc du Tacul, il Mont Maudit e i pendii glaciali del Mur de la Cote. Raggiungiamo la Midi (3842) tramite la velocissima funivia che da Chamonix percorre due lunghi e spettacolari tronconi a 40Km/h! Ramponi e piccozza agevolano non poco la discesa dalla crestina che conduce alla Vallee Blanche e da qui a un tiro di schioppo fino ai Cosmiques passando sotto il pilastro di granito rosso dellAguille du Midi, dove sale la classicissima via di Gaston Rebuffat. Dopo un paio di birrette e una breve grandinata arriva lora di cena, costituita da una minestra allungatissima, salsicce abbrustolite e per dolce un bign alla crema! Questa ovviamente una sfida ai nostri stomaci, ma io non mi tiro certo indietro! Dopo un p di chiacchiere e la mia solita camomilla con rhum sono pronto per una breve dormita, dalle 22 all1.30. Pi tardi in camera vengo svegliato dallandirivieni tipico di chi eccitato per limminente salita o di chi ... ha un bign sullo stomaco!
Enrico uno di questi: purtroppo il suo intestino sta lottando duramente contro il bign e la salsiccia. Oscar ci assegna al servizio scopa, ma va bene cos, la gita GEFO non mai una corsa alla vetta (se non capite cosa intendo provate unuscita con gli amici di Cisano!), bens una salita di tutto il gruppo al ritmo che si adatta alla cordata pi lenta. Devo ammettere che seppur conscio di questa filosofia, allinizio sono preoccupato per il bollettino meteo che prevede possibili perturbazioni dopo mezzogiorno. Memore delle nebbie e della tempesta di ieri pomeriggio, immagino che il tempo sar la fotocopia (forse in peggio) del giorno prima e mi piacerebbe assistere alla grandinata dal rifugio, piuttosto che prenderla dolorosamente sulle orecchie. Comunque metto lanima in pace fino a quando, superata la spalla del Tacul e giunti sotto al ripido (48) pendio del Mont Maudit, la coda per il canalino assume proporzioni preoccupanti. Quanto tocca a me sono ormai in attesa da 90 minuti. Per rifarmi un poco della lunga attesa decido di salire una linea tutta a sinistra, divertente su un pendio intonso ma facile; Giovanni e Enrico seguono senza problemi. In cresta smontiamo la sosta, recuperiamo la corda e tagliando in diagonale un pendio di neve e ghiaccio raggiungiamo tutto il gruppo al Col della Brenva. Da qui la salita un facile ma lungo zig-zag su per i pendii del Mur de la Cote completamente innevato.
Arriviamo a quota 4807 alle 9.50 e per le 10 e rotti siamo tutti in cima raggiunti infine da Paolino, Maria e Sara. La temperatura mite (-10C!?) dato il luogo e indugiamo in vetta per un meritato riposo, poi per dico a Oscar che ..sar meglio scendere, non vorrei che il tempo.... La discesa, contro quanto programmato non avviene per la via di salita per prudenza, ma anche dalla pi facile via di discesa scelta si richiedono ancora nervi saldi e piede fermo; quindi gi tutti verso ovest fino alle due Bosses sferzati da un forte e gelido vento che viene da sud (infatti quando usciremo dal Tunnel del MB, avremo modo di capire che in Italia ha piovuto). Giunti alla Vallot scendiamo nella depressione che separa la cresta delle Bosses dal Dom de Gouter e finalmente cala il sipario. Siamo avvolti dalla nebbia e la visibilit limitata anche fino a soli 10 metri, la situazione preoccupante.
La nostra fortuna che la via da-e-per il rifugio Gouter la normale francese al MB e quindi la pi gettonata. Possiamo cos godere di una evidentissima traccia e conoscendo di massima la direzione da prendere usciamo non senza patemi da questa difficile situazione. Alle 13.15 siamo al Gouter, un vero e proprio nido daquila costruito sopra una bastionata di sfasciumi che precipita verso valle con una ferrata tipo Mischabel Hutte.
Ci concediamo un p di riposo e alle 14 riprendiamo la lunghissima ed insidiosa discesa (i tre ragazzi del CAI Rimini scenderanno domani, pi riposati) dapprima in ferrata, poi quando la pendenza dello sperone diminuisce, tra sfasciumi pericolanti, gi gi fino ad affacciarsi al temuto Grand Coluoir du Gouter, una canale nevoso su un pendio di >40 circondato tuttintorno da rocce rotte e sfasciumi. Le scariche sono continue al punto che, mentre uno attraversa, gli altri controllano le frane sul pendio e eventualmente mettono in allarme il poveretto contro la caduta di pietre che spesso assumono dimensioni e velocit preoccupanti. Quando abbiamo tutti attraversato, scendiamo sul nevaio nei pressi del rifugio Tete Rousse (3157) e da qui ancora gi per detriti fino al Nid dAigle, a circa 2500 metri di quota. Qui al Nid dAigle prendiamo un costosissimo trenino (15!!) che ci porta con percorso interminabile fino al paese di St. Gervaise la Fayette. Da qui a Chamonix restano 20 chilometri e decidiamo di caricare i 7 autisti su un TAXI perch raggiungano le macchine e tornino a prenderci.
Una giornata dura, iniziata alle 2 del mattino e finita alla medesima ora del giorno seguente, quando dopo una pizzata a Courmayeur e una guida in stato di semitrance sulla blindatissima (dai cantieri) Torino-Milano il corpo trova pace con una doccia seguita dallabbraccio del materasso.

Riccardo "Senatore"