Questo sito è accessibile da tutti i browser e gli user agent, ma il design e alcune funzionalità minori dell'interfaccia saranno visibili solo con i browser che rispettano gli standard definiti dal W3C

La Montagna, la Passione, Insieme!

G E F O

Gruppo Escursionisti Falchi Olginatesi


ti trovi in: HomeArchivio › Cerro Aconcagua 2005
 
Cerro Aconcagua - Gennaio 2005
Spedizione GEFO Cerro Aconcagua, mt. 6962


19 Gennaio
Ieri Enrico salito a Nido de Condores (5400m) in 3:25, un tempo da maratoneta. La tenda era ancora in piedi e ha dormito la sua nona notte sulla montagna.
Mentre noi stiamo rientrando a Mendoza col simpaticissimo Juan (per non sbagliare pranziamo con bife de chorizo e il miglior chardonnay del ristorante), lui ha gi fallito un mini-tentativo di salita stroncato sul nascere dalla bufera insistente e dalle condizioni di innevamento che rendono la montagna irriconoscibile. Passer tutta la giornata in tenda in bala della bufera. Tremendo.
Noi ceniamo da Facundo, il pensiero e i discorsi comunque sono per Enrico. Anche dallItalia fanno il tifo per lui, con la casella di posta aconcagua2005@libero.it che ho creato allhotel ho informato gli amici a casa (Oscar e Maria che poi hanno propagato alla cricca) che Enrico rimasto da solo sulla montagna, speriamo bene.
20 Gennaio

Oggi per Enry la giornata pi lunga.
Ma anche quella che lo render bello come non mai, fiero come un leone!
Al mattino il vento ancora forte a tal punto che gli amici spagnoli rinunciano a fare un tentativo. Enrico ormai in uno stato psicologico precario: dopo aver passato unintera giornata da solo in tenda, comprensibilmente cerca disperatamente di distrarsi con lazione, non importa se arriver o meno in vetta, semplicemente non pu pi aspettare, deve partire. Con unidea geniale, si filma per un minuto in tenda: la faccia stremata resa gonfia e livida dalla prolungata sopportazione del gelo, la voce tesa, quasi disperata perch le possibilit della vetta sono ormai affievolite, sbranate dal terribile vento dellAconcagua, congelate nella corazza di ghiaccio che avvolge ogni cosa si trovi allesterno della tenda.
Guarda dritto nella videocamera e racconta che oggi il suo ultimo giorno in quota, semplicemente non ne pu pi, o arriva in cima o scende, i giochi sono finiti. Parte alle 4.30 e sale fino al massimo punto raggiunto tre giorni prima a 5800m.

Qui appena valica la sella che lo porta al Gran Traverso viene investito da un vento furioso che risale la montagna e per procedere dritto in realt deve lasciarsi cadere verso destra per bilanciare la forza del vento. Le condizioni sono dunque terribili, il pendio gelato e quindi richiede lutilizzo dei ramponi, il vento una presenza costante, praticamente palpabile che pian piano inesorabilmente asciuga le forze raffreddando e disidratando il corpo. Eppure Enrico ha una condizione fisica da illuminato, prosegue con buon ritmo e alle 11.45 (avete calcolato bene, ha impiegato solo 7:15 !!) in vetta. Credo di poter dire che avr provato unemozione tale a qella che mi costrinse in lacrime un anno prima sulla vetta del Monte Kenya. Per me si trattava di una prova positiva dopo una lunga degenza ed una assenza da qualsiasi impresa alpinistica degna di nota, per lui invece stata la realizzazione di una prova psicofisica che pu appartenere solo ai grandi spiriti, quelli che non sono mai domi, quelli che veramente amano la Montagna e amano tutto ci che ne consegue, fatica, freddo, disperazione, amicizia, caparbiet, vittoria.
Da sinistra: Enrico, Nicola, Riccardo.
Chi ha detto che si saliva con le scarpe del tennis?.

Dalla vetta su cui si trattiene solo per una mezzoretta, scende velocemente tagliando dal Gran Traverso direttamente gi a goccia dacqua sul pendio ripissimo e innevato verso Nido de Condores dove arriva dopo meno di tre ore!
Tutto ci che fa magico e irripetibile, tutto ci che tocca si trasforma in oro! Alla tenda scalda una minestra e poi in uno sforzo di volont (e gli devo ancora parlare a 4 occhi per capire cosa gli passava esattamente per la testa) smonta tutto e scende per dormire a Plaza de Mulas.
21 Gennaio
Finalmente telefonando alla sera a Puente troviamo Enrico che ci racconta di essere stato in cima.
Domani verr col bus (lagenzia non ci ha permesso di riutilizzare il vaucher per il trasporto, sebbene fosse stato pagato per quattro persone) a Mendoza e saremo di nuovo insieme.

Riccardo (Senatore)