Questo sito è accessibile da tutti i browser e gli user agent, ma il design e alcune funzionalità minori dell'interfaccia saranno visibili solo con i browser che rispettano gli standard definiti dal W3C

La Montagna, la Passione, Insieme!

G E F O

Gruppo Escursionisti Falchi Olginatesi
ti trovi in: HomeLe nostre gite › Foto
 
Foto - Pizzo dei tre Signori 2554 m (Barzio, Rif. Buzzoni, Rif. Grassi) - LOMBARDIA


Dislivello: m 1800
Esposizione: molto soleggiato (se ci fosse stato il sole)
Giudizio: BELLO

Come riportato sul libretto la meta fissata per domenica il Pizzo dei tre Signori ma solo il gruppo dei pi precisi segue l'itinerario previsto (sabato salita al Rif. Grassi, pernottamento e domenica vetta), per tutti gli altri tracciato fantasia. Il percorso qui descritto parte direttamente dal piazzale inferiore della funivia per i Piani di Bobbio a quota m 800 e raggiunge per mulattiera Nava (che in linguaggio ibero-ligure significa ampia sella), supera con l'aiuto di catene tre vallette ed un ripido costone e dopo circa 2 ore di umidit ci porta al Rifugio Buzzoni m 1580. In pochi minuti si raggiunge il vicino Passo di Gandazzo dove si incrocia il Sentiero delle Orobie proveniente da Bobbio e seguendolo, si risale ripidamente fino al Passo del Toro ma, prima di arrivare, quasi come un miraggio, si trova una freschissima sorgente a cui rinfrescarsi. Con una serie di traversate pianeggianti passa dalla Bocchetta di Foppabuona e dopo alcune discese seguite dalle immancabili risalite si giunge dopo circa 1.45 ore al Rifugio Grassi m 1987 al Passo del Camisolo. Sosta meritata per rifocillarsi e poi partenza verso la vetta seguendo il facile sentiero che, nuvole permettendo, offre una magnifica vista aerea sulla sottostante Val Biandino con il solitario Lago di Sasso. Raggiunto il Pian delle Parole, o Castel Reino, si incontra un antico cippo che indicava il confine fra il Ducato di Milano e la Repubblica di Venezia e si raggiunge la Bocchetta Alta a quota 2235 m. Da qui si con fatica e la dovuta attenzione si risale l'erto pendio che porta al canale (caminetto) lungo il quale e' possibile inerpicarsi diretti alla vetta. Oltre alla fatica, in questo tratto, si accompagnati dagli "abitanti" della zona, infatti stambecchi grandi e piccoli non si negano alla vista dell'escursionista. Giunti ai 2554 m della verta in circa 1.45 ore si pu gustare un breve e meritato riposo e ci si prepara al lungo ritorno fino alla macchina. Durante la salita si incrociano e salutano gli amici provenienti dal Rifugio Santa Rita e dal Grassi riunendo virtualmente il gruppo GEFO.